Giornata mondiale della Fisioterapia

Stampa

Fisioterapia e la vita si rimette in movimento

Fisioterapia e la vita si rimette in movimento: è questo il messaggio che l’Associazione Italiana Fisioterapisti (Aifi) lancia in occasione della Giornata Mondiale della Fisioterapia, in programma, come ormai di consuetudine nella giornata dell’8 settembre. Al centro è stato messo il paziente, le persone assistite, che sono le voci più adeguate per raccontare e testimoniare quanto l’intervento del fisioterapista sia stato, ed è, importante per tornare pienamente a vivere. Per la Giornata Mondiale Edizione 2020, infatti,  il focus è incentrato sulla riabilitazione dopo il Covid.19 e il ruolo del fisioterapisti nella gestione di persone affette da coronavirus.
Questo accade anche nell'Azienda Ospedaliera Universitaria "San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona" di Salerno dove è attivo il Corso di Laurea in Fisioterapia (Direttore delle attività, la dottoressa Mariaconsiglia Calabrese). L'Azienda  si affida a  professionisti altamente specializzati che, quotidianamente, eseguono consulenze in molteplici reparti.
Grazie alla presenza della Medicina riabilitativa, si crea la perfetta sinergia tra fisioterapisti e fisiatri che consente di offrire una assistenza clinica completa.
Per ogni paziente viene elaborato un progetto riabilitativo e programmi fisioterapici individuali, a seguito di valutazione specialistica.
Il paziente preso in carico viene seguito durante la fase acuta della patologia con programmi fisioterapici per la prevenzione delle complicanze e indirizzato, con progetto riabilitativo, per la prosecuzione della riabilitazione estensiva – intensiva, in fase post acuta, presso Strutture territoriali.