Mercato San Severino. I numeri record della chirurgia bariatrica

Stampa

Ci sono grandi professionalità ed eccellenze all’ospedale "G. Fucito" di Mercato San Severino. Tra queste, l'UOC di Chirurgia Generale, diretta da Vincenzo Pilone (nella foto in basso-ndr) Professore Associato di Chirurgia Generale, divenuta brevemente riferimento della zona per la chirurgia addominale, grazie anche al notevole incremento degli interventi laparoscopici e mini-invasivi di alta complessità, diventando anche un riferimento regionale per tale chirurgia.
L’impronta data dall'Atto Aziendale ha permesso, poi, lo sviluppo e l’implementazione della chirurgia bariatrica e metabolica, per pazienti affetti da obesità grave.
In questi anni sono stati raggiunti standard di livello nazionale, con l’esecuzione di tutti i tipi di interventi per l’obesità grave, compresi i reinterventi dopo fallimento del primo trattamento chirurgico (procedure in genere più complesse dal punto di vista tecnico). Attualmente il team del prof. Pilone accoglie circa il 30% dell’utenza da fuori provincia, di cui quasi la metà proveniente da fuori regione: nel 2018, degli oltre 900 interventi di chirurgia maggiore, più di 300 sono state procedure di chirurgia bariatrica, eseguite per il 98% completamente in laparoscopia. I numeri raggiunti in pochi anni hanno indicato la Chirurgia del Fucito, dal 2017, Centro di Eccellenza nel panorama dei Centri SICOB, società scientifica di riferimento per la chirurgia dell'obesità in Italia.
Gli interventi bariatrici maggiormente eseguiti sono la gastrectomia longitudinale (cosiddetta sleeve gastrectomy), il by-pass gastrico ed il bendaggio gastrico laparoscopico.
Ogni paziente viene valutato al primo accesso da un team multidisciplinare al fine di ottenere una adeguata indicazione all'intervento e di poter avere la migliore risposta da parte del paziente, a cui si affianca anche il chirurgo plastico dell’A.O.U., per la successiva chirurgia di rimodellamento. Oggi il follow-up dei pazienti operati supera gli 1.000 pazienti, con una complessa articolazione di controlli anche a lungo termine. I numeri raggiunti in pochi anni hanno confermato la sicurezza e la competenza dell’equipe nella gestione di tali pazienti.

prof pilone